Start up: Da Sogno a Realtà

Start up: Dove Trovare i Fondi per Partire


Mettere in piedi una start up è il sogno di molti.

Start up

Sei giovane e, in quanto tale, hai voglia di fare, di metterti in gioco. 

Hai sicuramente un sogno nel cassetto, magari quello di aprirti un’attività tutta tua.

Tanti si riconoscono in questa immagine ma…i passi da fare per raggiungere l’obiettivo sono davvero tanti.

A sognare son bravi tutti, ma poi ci si scontra con la realtà e ci si rende conto che per realizzare un progetto non bastano l’idea e la buona volontà, serve anche…qualche aiutino.

La partenza non è mai semplice, ci vuole qualche fondo per iniziare e, se consideriamo l’attuale situazione oggi in Italia, mamma e papà sono ancora i primi a cui ci si rivolge.

Del resto, quale banca finanzierebbe un imprenditore che non è in grado di fornire nessuna garanzia e per giunta alla sua prima esperienza imprenditoriale?

Una ricerca sull’Emilia Romagna, condotta dall’Università di Bologna e il consorzio Aster, ha scoperto che questo accade nove volte su dieci, nella quasi totalità dei casi dunque.

Consideriamo che questa regione è la prima in Italia per numero di laureati in campo tecnico-scientifico, tanti giovani con grosse potenzialità ma con pochi mezzi a disposizione…

Italia Startup a Sostegno delle Giovani Imprese

Fortunatamente, esistono associazioni che ancora credono profondamente nel rilancio del nostro paese…una di queste è Italia Startup, una giovane realtà fondata nel 2012 che riunisce imprenditori, investitori, startupper, enti e aziende: tutti cercano di dare un proprio contributo per sostenere chi prova a “fare impresa” in Italia.

È una piattaforma collettiva, dove si cerca di raccogliere spunti e strategie, per creare nel nostro Paese realtà imprenditoriali competitive e aperte all’innovazione.

Si sa che i giovani sono il nostro futuro, le generazioni di domani”, ed è fondamentale ascoltare la loro voce.

Lo scopo di queste communities è, principalmente, quello di raccogliere le istanze delle startup e delle giovani imprese.

Gli obiettivi sono quelli di:

  • farsi portavoce dei loro bisogni, anche di fronte ai “piani alti” degli enti governativi, per poter creare nel nostro Paese un ambiente propizio a queste giovani realtà;
  • favorire il dialogo fra le giovani realtà e le strutture imprenditoriali più consolidate.

Non è semplice, è più facile a dirsi perché entrano in gioco molti fattori, forse troppi, che fanno sì che questo percorso non sia tanto lineare come sembra…ma crederci è un primo passo fondamentale!

Crowdfunding: Un’Opportunità da Non Sottovalutare

Hai un progetto decisamente creativo da realizzare, ma non disponi del capitale necessario?

Hai cercato finanziamenti in modo tradizionale senza successo e alla fine hai deciso per l’autofinanziamento?

Spesso, affidarsi solo alle proprie risorse è un’impresa ardua se non impossibile.

Chi l’ha sperimentato lo sa molto bene…

Consideriamo il problema da un’altra prospettiva: chi ha detto che i migliori sogni si realizzano da soli? 

Certo, sarebbe bello farcela solo con le proprie risorse, ma mettere da parte l’orgoglio non ha mai fatto male a nessuno…

Ancora non tutti lo sanno, ma esistono piattaforme virtuali, dove ognuno ha la possibilità di proporre la propria idea, “raccontandola” con tanto di video e foto.

Start up

In sostanza, mettiamo il nostro progetto in vetrina e facciamo in modo che anche gli altri ci credano: potrebbero decidere di finanziarci, con cifre simboliche o aiuti più concreti e sostanziosi.

Attenzione però, la “clessidra” è sempre in agguato!

Si ha un tempo a disposizione: se ciò che si raccoglie è sufficiente, il progetto può finalmente prendere il via.

In gergo tecnico si chiama “crowdfunding”, ovvero “finanziamento collettivo”, una sorta di collaborazione di un gruppo di utenti per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni.

In pratica, si tratta di una specie di microfinanziamento dal basso, un aiuto concreto per le start up.

Sembra incredibile, ma la produzione di alcuni “trendissimi” gadget della Apple e di altri ritrovati tecnologici è partita proprio da qui…

Kickstarter: la Piattaforma Più Famosa al Mondo

Crowdfunding vuol dire Kickstarter, la più diffusa piattaforma al mondo di questo genere, che da pochi anni è sbarcata anche in Italia.

Qualche numero?

In sei anni ha fruttato ben 1,6 miliardi di dollari di finanziamenti.

Oggi, per noi italiani, è molto più semplice utilizzarla, perché l’abbiamo a disposizione nella nostra lingua e con la nostra valuta.

Tieni presente che è sempre la stessa piattaforma e questo ci dà il vantaggio di usarla in maniera più immediata ma stando comunque in contatto con la community mondiale.

Meglio di così…

Creativi di tutto il mondo, oggi è più facile proporre le proprie idee, senza correre il rischio di rimanere geni incompresi e soprattutto…isolati.

Prima di lanciare la tua idea, però, dai un’occhiata qui, non mi vorrai mica cadere sul look!

Chi ha idee innovative ha finalmente la possibilità di proporle al meglio, contando su un contesto ampio e culturalmente più ricco e vivace, e noi italiani in quanto a creatività e fantasia…ne abbiamo da vendere!